New Dance Club

Con passione e competenza cerchiamo di avvicinare tutti al mondo della Danza e delle Discipline sportive Aeree, dando vita anche ad eventi, spettacoli, manifestazioni e workshop!

Ultimi post

Blog

Home  /  Novità   /  De Angelis – Ferrari, coppia d’oro agli Assoluti di Danza Sportiva
Erika Ferrari e Norberto De Angelis

De Angelis – Ferrari, coppia d’oro agli Assoluti di Danza Sportiva

L’ex linebacker della Nazionale di Football Americano e la Direttrice artistica della New Dance Club di Noceto hanno conquistato, domenica 27 gennaio, il Titolo Assoluto di Danza Sportiva dedicato alle coppie composte da atleti diversamente abili e normodotati danzando sulle note di Music, di John Miles.

RIMINI – Forte non è colui che non cade mai, ma colui che cade ed ha la forza di rialzarsi… quante volte questa frase, spesso usata a sproposito, è divenuta lo slogan di grandi imprese. Perché… perché solo aspirando alle cose impossibili, l’uomo è riuscito a realizzare quelle possibili… Con costanza, determinazione, tenacia e tanta, tanta forza di volontà. E quante volte un incontro fortuito, casuale, o forse guidato dal destino?, ha cambiato (in meglio) la vita di due persone dando vita ad un’alchimia magica…

Come è successo domenica 26 gennaio scorso a Rimini, in occasione dei Campionati assoluti di Danza Sportiva della FIDS, dove Norberto De Angelis, ex linebacker della Nazionale di Football Americano, Cavaliere della Repubblica ed in sedia a rotelle dal 1992 in seguito ad un incidente stradale in Tanzania, ha conquistato la medaglia d’oro in coppia con Erika Ferrari, ex Atleta Nazionale e Direttore artistico della New dance Club Asd di Noceto.

Suggestiva ed evocativa la coreografia della performance della coppia De Angelis – Ferrari, che ha gareggiato nella categoria dedicata ai “duetti” composti da atleti diversamente abili e normodotati, ballando sulle magiche note di Music, di John Miles. Un’interpretazione emozionante, quella dei due danseurs, compagni di ballo da soli pochi mesi, che, come ha spiegato Erika, “è voluta essere anche un invito a sognare rivolto a tutti coloro che non hanno ancora avuto il coraggio di farlo… e la dimostrazione che le disabilità non sono (solo) un limite, ma (anche) una nuova opportunità”.