New Dance Club

Con passione e competenza cerchiamo di avvicinare tutti al mondo della Danza e delle Discipline sportive Aeree, dando vita anche ad eventi, spettacoli, manifestazioni e workshop!

Ultimi post

Blog

Home  /  Novità   /  Back to fly
Back to Fly

Back to fly

Dopo sette mesi di stop forzato, le atlete della New Dance Club di Noceto domenica 27 settembre scorso sono nuovamente tornate a gareggiare, strappando tutte il pass per la finale della Coppa Italia – Metodo Pass Italia.

MILANOSono Alice Cavalieri, Margherita Figone, Sabrina Pettenati, Laura Larini, Federica Mora, Ginevra e Vittoria De Carlo le sette atlete New Dance Club che domenica 27 settembre scorso hanno staccato il biglietto della finale del Metodo Pass Italia – Coppa Italia performer arti scenico-sportive: la qualificazione è stata ottenuta grazie alla vittoria agli Interregionali che si sono tenuti all’interno della Scuola di Danza ‘Liberi di’ di Milano.

Guidate dall’ex atleta nazionale ed artista Erika Ferrari, direttore artistico dell’ormai storica scuola di arti aeree di Noceto, in provincia di Parma, le sette atlete, più e meno giovani, domenica scorsa, dopo circa sette mesi, hanno finalmente potuto calcare nuovamente un palco: nonostante la gara si sia tenuta rigorosamente a porte chiuse, tutte le partecipanti hanno preso parte alla kermesse con grande entusiasmo, mettendo sul palco tutta la passione e l’energia che avevano dovuto trattenere a causa del lungo lockdown.

Magistralmente organizzata dalla Presidentessa di Giuria Ketty Capra, cuore pulsante del Metodo Pass, la gara Interregionale di Milano ha così ridato il via anche alle competizioni dedicate alle arti aeree, discipline che, come tutti gli sport nel nostro Paese, erano state costrette ad interrompere attività agonistiche ed allenamenti a marzo 2020 a causa della diffusione della pandemia di Covid 19.

Nonostante gli ingressi contingentati, la presenza di un solo accompagnatore adulto (Erika Ferrari), i volti di tutti nascosti dalle mascherine facciali e l’assenza di genitori e pubblico, la gara ha, quindi, consentito alle sette atlete nocetane di tornare a respirare l’aria del palco e di incontrarsi nuovamente con sportivi provenienti da Emilia Romagna, Liguria e Lombardia in quella che, a tratti, ha assunto le tinte di una vera e propria… rimpatriata tra amici!

Mentre Alice e Margherita hanno vinto nelle loro categorie soliste, e Sabrina si è classificata terza, Laura, Federica, Ginevra e Vittoria hanno sbaragliato la concorrenza nella gara dedicata alle Compagnie piccole over 16: “All’inizio sarebbe dovuta essere una sfida ‘mamma con figlie’ – racconta una raggiante Erika, che come sempre ha seguito le sue ragazze in ogni aspetto della competizione, dalla coreografia al supporto psicologico, passando per il trucco, il parrucco e l’outfit – quindi mamma Laura con le figlie Vittoria di sei anni e Ginevra di otto, poi il gruppo è diventato di quattro, con l’aggiunta della nostra ‘esperta’ Federica…”

“Ma quello che voglio sottolineare – prosegue Erika – è stata proprio la performance di Ginevra, una splendida e dolcissima bimba affetta dalla Sindrome di Kenny Caffey, una mutazione genetica rarissima (se ne contano solo sei casi in Europa!) che ne rallenta la crescita senza in alcun modo inficiarne le capacità cognitive… Per mamma Laura e papà Antonello, come per noi tutti, è stata un’enorme soddisfazione: appassionati di sport, questi due ‘super genitori’ hanno sempre creduto nel valore educativo, inclusivo e… terapeutico dello sport!”

Alle spalle di Ginevra, e Vittoria, mamma Laura, una giovane donna forte, tenace e combattiva che, oltre ad aver indossato la fascia di Miss Noceto nel 2005, è stata giocatrice di rugby, pugile, cheerleader, poledancer nel gruppo Glam, powerlifter ed, attualmente, volontaria Auser e membro della Commissione per le disabilità di Collecchio, presieduto da Monia Iamio.

Laura, quali sono stati i problemi maggiori che avete dovuto affrontare per preparare questa gara?

“La difficoltà maggiore è stata durante il lockdown: avevamo appena finito di definire la coreografia che siamo state costrette alla reclusione forzata senza alcuna possibilità di provare perché nessuno, o quasi, in casa aveva degli apprendimenti e degli attrezzi aerei… Per cui, non appena è stato possibile rientrare nei locali della New Dance Club, abbiamo ripassato con difficoltà legate alla memoria ed al ritmo. Inoltre dopo così tanti mesi di reclusione le bambine sentivano maggiormente la necessità di andare fuori a giocare con le amichette piuttosto che entrare in palestra ad impegnarsi ed allenarsi… Per cui è servita tanta determinazione e volontà per portarle ad allenarsi e per far loro capire quanto fosse fondamentale l’impegno preso, oltre che la parola data…”

Appuntamento, quindi, per sostenere le atlete New Dance Club, alla finale della Coppa Italia – Metodo Pass Italia, che si terrà in Sicilia, in provincia di Catania, alla conclusione di tutte le fasi interregionali!